HOME TLAXCALA
la red de traductores por la diversidad lingüística
MANIFIESTO DE TLAXCALA  NOSOTR@S  LOS AMIGOS DE TLAXCALA  BUSCADOR 

AL SUR DE LA FRONTERA (América Latina y Caribe)
IMPERIO (Asuntos globales)
TIERRA DE CANAÁN (Palestina, Israel)
UMMA (Mundo árabe, Islam)
EN EL VIENTRE DE LA BALLENA (Activismo en las metrópolis imperialistas)
PAZ Y GUERRA (EEUU, UE, OTAN)
MADRE ÁFRICA (Continente africano, Océano Índico)

ZONA DE TIFONES (Asia, Pacífico)
KON K DE KALVELLIDO (Diario de un kurrante)
LIMPIAMENINGES (Cultura, comunicación)
LOS INCLASIFICABLES 
LAS CRÓNICAS TLAXCALTECAS 
LAS FICHAS DE TLAXCALA (Glosarios, léxicos, mapas)
BIBLIOTECA DE AUTORES 
GALERÍA 
LOS ARCHIVOS DE TLAXCALA 

30/04/2017
Español Français English Deutsch Português Italiano Català
عربي Svenska فارسی Ελληνικά русски TAMAZIGHT OTHER LANGUAGES
 

Per/Pour/For/Por Kassim
Abou El Kassim Britel in sciopero della fame/en grève de la faim/em greve de fome/on hungerstrike dal/depuis le /desde/since 16/11/2007
17/12/2007


 Un homme est en train de mourir dans une prison marocaine. Dans l'indifférence quasi générale. Cet homme n'a pas droit à la publicité dont ont pu bénéficier Ingrid Bettancourt ou les infirmières bulgares. Pourtant cet homme est : 1 - innocent; 2 - citoyen de l'Union européenne. Malheureusement pour lui, il est musulman. Rome et Bruxelles finiront-elles par entendre la voix de sa femme Khadija, qui se bat presque toute seule pour sauver la vie de Kassim ?

  A man is dying in a Moroccan prison. In an environment of almost total indifference. This man didn’t get the publicity from which Ingrid Bettancourt or the Bulgarian nurses might be able to take advantage of. However this man is: 1 - innocent; 2 – a citizen of the European Union. Unfortunately for him, he is a Muslim. Will Rome and Brussels finally, before it is too late, hear the voice of his wife Khadija, who fights almost single-handedly to save the life of Kassim?

 Um homem está a morrer numa prisão marroquina, mas a indiferença é geral. Este homem não tem direito à publicidade que Ingrid Bettancourt tem e as enfermeiras búlgaras tiveram. No entanto, este homem é: 1- inocente e 2 - cidadão da União Europeia. Infelizmente, para ele, é muçulmano. Será que Roma e Bruxelas vão ouvir a voz da sua mulher Khadija que luta praticamente sozinha para salvar a vida de Kassim?

 Un hombre está muriendo en una prisión marroquí. En medio de la indiferencia casi general. Este hombre no tuvo derecho a la publicidad de la que pudieron beneficiarse Ingrid Bettancourt o las enfermeras búlgaras, a pesar de que es: 1 - inocente; 2 - ciudadano de la Unión Europea. Desgraciadamente para él, es musulmán. ¿Roma y Bruselas terminarán por oír la voz de su mujer Jadiya, que lucha casi sola para salvar la vida de Kassim?

Tlaxcala

L'inchiesta di RAInews24 risale all'anno scorso, ma resta esemplare per chiarezza ed esaustività.
Raccoglie le interviste a
Khadija Anna Lucia - la moglie di Kassim- a Francesca Longhi, avvocato della famiglia Britel, ed a Claudio Fava, relatore della Commissione UE sui voli illegali della CIA.



 Per Kassim
Khadija Anna Lucia Pighizzini, 15 dicembre 2007

Oggi fanno trenta giorni che Kassim Britel rifiuta il cibo: giorni senza riposo, di silenzio, di sofferenza, di attesa. 

Ad Ain Bourja, Kassim cerca di tenersi ritto mentre prega, ignorando i battiti affrettati a tagliare il respiro, la testa pesante, il ventre spalancato a reclamar pienezza, le viscere doloranti e acquose, la schiena che pare spezzata, …

Così ieri è svenuto, i suoi compagni l'hanno aiutato, il medico gli ha contato le costole: è molto dimagrito, eppure di ora in ora cresce la sua determinazione, una determinazione che nulla può scalfire.

Ci sentiamo al telefono, umiliata io, una volta di più dal silenzio del nostro Paese, dal fluire delle mie giornate di lavoro come se nulla fosse, con il tarlo della sua possibile morte eppure solidale con lui fino in fondo, perché quest'ingiustizia che ci ha privato della vita deve finire, in un modo o nell'altro.

E gli racconto come meglio posso del bene che avremo, e lui ha un pensiero di fede, una parola buona che solleva la pena taciuta e nascosta. Con lui sono calma, so che non ci succederà nulla che non ci sia stato destinato.

Nella nostra casa vuota, lavoro come sempre per la vita di mio marito, pena e collera sono intollerabili, Kassim ha già patito troppe violenze e privazioni, so che non resisterà a lungo, già ora si poggia ad un bastone per muovere qualche passo, ieri non è stato in grado d'incontrare sua sorella…

Per il rispetto dovuto ad ogni vita, per la giustizia dovuta alla vittima innocente di una "guerra" non sua, per la nostra famiglia separata da quasi sei anni, che il Governo italiano si decida finalmente a portare a casa questo cittadino!                    

 Pour Kassim
par Khadija Anna Lucia Pighizzini ,  15 décembre 2007

Cela fait aujourd’hui 30 jours que Kassim Britel refuse de s’alimenter, trente jours sans repos, de silence, de souffrance, d’attente.

À Aïn Bourja, Kassim cherche à se tenir droit lorsqu’il prie, ignorant les battements accélérés de son cœur qui lui coupent le souffle, la tête lourde, le ventre qui crie famine, les viscères endolories et aqueuses, le dos qui semble brisé…

Hier il s’est évanoui, ses compagnons l’ont aidé, le médecin a compté ses cotes : il est très amaigri, mais sa détermination croît d’heure en heure, une détermination que rien ne peut abattre.

Nous nous parlons au téléphone, et moi, je me sens humiliée, une fois de plus, par le silence de notre pays, par mes journées de travail qui s’écoulent comme si de rien n’était, tenaillée par la perspective qu’il puisse mourir mais solidaire avec lui jusqu’au bout, par ce que cette injustice qui nous a privés de vie doit prendre fin, d’une manière ou d’une autre.

Et je lui parle du mieux que je peux du bien que nous aurons, et lui a une pensée de foi, une bonne parole qui lève la peine tue et cachée. Avec lui je suis calme, je sais qu’il ne nous arrivera rien qui n’ait été écrit.

Dans notre maison vide, je travaille comme toujours pour la vie de mon mari, la peine et la colère sont intolérables. Kassim a déjà souffert trop de violences et de privations, je sais qu’il ne résistera pas longtemps, il doit déjà s’appuyer sur un bâton pour faire quelques pas, hier il n’a pas été en état de rencontrer sa sœur…
 
Pour le respect du à chaque vie, pour la justice due à la victime innocente d’une « guerre » qui n’est pas la sienne, pour notre famille séparée depuis presque six ans, il faut que le gouvernement italien se décide finalement à rapatrier ce citoyen !

   Ascoltate
Kassim che parla
dal carcere di Äin Bourja
della sua vicenda
e
dello sciopero della fame

.

 Kassim sciopera dal 16 novembre, perchè?           
Khadija Anna Lucia Pighizzini , 5 dicembre 2007

Abou Elkassim Britel, l'unico cittadino italiano, a quanto si sa, vittima di extraordinary rendition è in sciopero della fame dal 16 novembre nel carcere di Äin Bourja, Casablanca.

La sua protesta per un miglioramento delle condizioni di detenzione e contro atti di grave violenza passati e attuali, è oggi finalizzata ad ottenere la sua liberazione, come preannunciato lo scorso 19 novembre. 

Mio marito ha sottoscritto ed inoltrato una precisa dichiarazione in tal senso al Ministero di Giustizia marocchino il 3 u.s..
La sua decisione è ferma e motivata. La preoccupazione per la sua vita è molto seria, ma, lo ribadiamo, questa è l'unica azione possibile.

Abou Elkassim Britel subisce dal 2002 fatti di inaudita gravità sul piano dei diritti umani e civili.

Il caso è seguito da diverse Ong internazionali.

Cito solo gli interventi più recenti: Amnesty International ha inserito la vicenda di Abou Elkassim Britel nel rapporto sull'Italia al Comitato Onu contro la tortura in aprile 2007; Fair Trials International ha scritto, il 14 novembre 2007, ai Ministri D'Alema e Mastella per sostenere il rilascio immediato.

A febbraio 2007, il Parlamento europeo « sollecita il governo italiano a prendere misure concrete per ottenere l'immediato rilascio di Abou Elkassim Britel » nella ' Risoluzione sul presunto uso dei paesi europei da parte della CIA per il trasporto e la detenzione illegali di prigionieri '.

Chiedo che il Governo italiano si attivi immediatamente per rendere alla sua vita, e alla sua famiglia, questo suo cittadino ed evitare una conclusione drammatica della quale sarebbe comunque responsabile.

E che ci venga data una risposta, anche personale, perché il perdurare di questo silenzio nei nostri confronti non fa che accrescere la nostra angoscia 
                                                                                                             

Per informazione  http://www.giustiziaperkassim.net   

 

 Kassim est en grève de la faim depuis le 16 novembre. Pourquoi ?

par Khadija Anna Lucia Pighizzini, 5 décembre 2007

Abou Elkassim Britel, le seul citoyen italien qui ait été à ce que l’on sache, victime d'une extraordinary rendition (transfert extraordinaire) est en grève de la faim depuis le 16 novembre dans la prison d'Äin Bourja à Casablanca. 

Sa protestation pour améliorer les  conditions de détention  et contre les actes de violence graves passés et présents, a maintenant le but d'obtenir sa libération, comme il l’avait annoncé le 19 novembre.  

Mon mari a signé et envoyé une déclaration claire dans ce sens au Ministère marocain de Justice le 3 décembre.  

Sa décision est ferme et raisonnée. L’inquiétude pour sa vie est très sérieuse, mais, nous le répétons, la grève est la seule action possible.  

 Abou Elkassim Britel est victime depuis 2002 de faits d'une gravité incroyable quant aux droits humains et droits civils. 

Le cas est suivi par plusieurs ONG internationales.  

Je cite seulement les interventions plus récentes: en avril 2007, Amnesty International a cité le cas d'Abou Elkassim Britel dans le rapport sur l'Italie au Comité de l’ONU contre la torture; le 14 novembre 2007, Fair Trials International a écrit aux ministres D'Alema et Mastella pour appuyer la demande de libération immédiate.  

 En février 2007, le Parlement européen a  appelé «  instamment le gouvernement italien à prendre des mesures concrètes afin d'obtenir la libération immédiate d'Abou Elkassim Britel » dans sa 'Résolution sur l'utilisation alléguée de pays européens par la CIA pour le transport et la détention illégale de prisonniers'.

Je demande que le gouvernement italien s’active immédiatement pour rendre ce citoyen à sa vie et à sa famille, et évite une conclusion dramatique dont il serait de toute manière  responsable.  

Et nous espérons qu'une réponse, même personnelle, nous sera donnée parce que la prolongation de ce silence à notre égard ne fait qu’accroître notre angoisse.                                                 

Pour information http://www.giustiziaperkassim.net

Lire aussi  http://www.tlaxcala.es/pp.asp?reference=1689&lg=fr
                 http://www.tlaxcala.es/pp.asp?reference=4261&lg=fr

 

 Extraordinary rendition

«Io, musulmano italiano, lasciato marcire in Marocco»

Parla dal carcere il concittadino finito nell'incubo dei voli Cia
Catturato in Pakistan, interrogato dagli americani, trasferito in Marocco, torturato e condannato a 9 anni, Kassim Britel è una vittima collaterale della guerra al terrorismo.
Di cui Roma sembra essersi dimenticata

Stefano Liberti, il manifesto, 16 Dicembre 2007

 

La voce arriva stanca ma distinta dal fondo della cella. «L'Italia mi ha abbandonato. Mi lasciano qui, in carcere a marcire, solo perché sono musulmano». Abou ElKassim Britel, detto Kassim, 40 anni di cui 18 trascorsi in Italia, cittadino italiano dal 1999, ha un tono pacato, nonostante la drammaticità della sua storia. Una storia di abusi e torture, degna del film di Alan Parker Fuga di Mezzanotte, cominciata nel 2002, in Pakistan, quando è stato catturato dai servizi di sicurezza di Islamabad, torturato, interrogato dagli americani, poi trasferito in Marocco (suo paese d'origine), ancora torturato e detenuto in un luogo segreto, liberato e quindi nuovamente incarcerato nel 2003 e condannato a nove anni di carcere per «organizzazione sovversiva e riunioni non autorizzate».
Lo raggiungiamo al telefono nel carcere di Ain Bourja, a Casablanca, dove è stato recentemente trasferito dopo aver trascorso tre anni nella dura prigione di Salé. «Un posto allucinante, dove stavamo in otto in celle di cinque metri per tre, ci era consentita mezz'ora d'aria al giorno, esclusi il sabato e la domenica, il cibo era pessimo e potevi anche non essere visitato da un dottore per un mese e mezzo».
Lo sciopero della fame
Kassim paga lo scotto di essere un musulmano ai tempi della guerra globale al terrorismo. Condannato per reati associativi a seguito di un processo farsa durato mezza giornata, è stato dimenticato dal nostro ministero degli esteri, nonostante la strenua battaglia condotta dalla moglie Anna Lucia Pighizzini (convertitasi all'Islam con il nome di Khadija). «Ogni tanto mi viene a far visita il console. Mi dice che si stanno muovendo per farmi avere la grazia, ma io non mi fido più». Così Kassim ha cominciato da un mese uno sciopero della fame ed è fermamente intenzionato ad andare avanti. Ritiene l'Italia direttamente coinvolta nel suo caso, non solo per il disinteresse mostrato dal governo di Roma, ma per quella che definisce «una partecipazione attiva dei servizi di intelligence». «Quando mi hanno preso in Pakistan, nel 2002, ho detto subito sia ai servizi pakistani che agli americani che ero un cittadino italiano e che volevo parlare con la mia rappresentanza consolare. Loro mi hanno risposto che l'ambasciatore di Islamabad aveva dichiarato loro che non voleva saper niente di me perché ero un terrorista». Seguono sessioni infinite di interrogatori e abusi in vari luoghi del Pakistan. «Mi hanno torturato in modo bestiale.
Gli americani mi hanno detto: "Non ti crediamo. O parli o ti ammazziamo". Poi mi hanno detto che sarebbero andati a prendere mia moglie e mia madre e avrebbero fatto loro cose che non sarei riuscito neanche a immaginarmi».
Dopo mesi di questo trattamento, gli uomini di Washington decidono di trasferirlo. Lo caricano quindi su un aereo, incappucciato, legato e steso per terra. «Viaggiavo con un altro cittadino arabo, probabilmente siriano o giordano. Lui era ferito. Non so che fine abbia fatto». Kassim non ha la minima idea di dove lo stiano portando. Solo all'arrivo, intendendo parlare l'arabo marocchino, capisce che è stato trasferito nel suo paese d'origine. Chiuso in un bagno, viene fotografato e poi trasportato - sempre bendato - nel famigerato centro di detenzione di Temara.
È questo il centro nevralgico dell'esternalizzazione in Marocco della guerra al terrorismo. È qui che, secondo diverse associazioni dei diritti umani marocchine, sono state condotte negli anni le vittime di varie extraordinary rendition, sottoposte poi a tecniche di interrogatorio poco ortodosse. Britel conferma: «Mi hanno tenuto lì otto mesi. I marocchini mi interrogavano. Mi torturavano. Volevano che confessassi presunti legami con gruppi terroristici. Nel cortile, ogni tanto sentivo parlare in inglese con accento americano, anche se non so se durante gli interrogatori gli americani erano presenti. Ero sempre bendato».
Il 16 maggio 2003
Tutta l'operazione - la cattura in Pakistan, il trasferimento in Marocco, gli interrogatori a Temara - sono fatti, secondo Kassim, con la consapevolezza e il consenso delle autorità italiane. «Esisteva una collaborazione strutturale tra i servizi italiani e marocchini: quando ero in quel centro, mi hanno fatto ascoltare una registrazione di una telefonata che avevo fatto dal Pakistan a mio fratello a Bergamo. Solo i servizi italiani potevano aver fornito loro quella registrazione».
Dopo questi mesi d'inferno, l'uomo viene rilasciato. Si reca all'ambasciata di Rabat chiedendo un passaporto per tornare a casa. Gli viene detto che ai non residenti in Marocco potevano solo dare un lascia-passare per rientrare in Italia. Visto il modo «inusuale» con cui era entrato nel regno cherifiano, chiede assistenza all'ambasciata per uscire dal paese. Alla sede consolare non ascoltano le sue richieste e gli dicono di non preoccuparsi.
Si reca quindi da solo alla frontiera terrestre di Melilla. Qui i gendarmi marocchini gli chiedono come ha fatto a entrare in Marocco, dal momento che il suo ingresso non risulta dai terminali. Lui racconta la sua storia. I poliziotti si allarmano. Gli dicono di aspettare e lo chiudono in una stanza. È il 16 maggio del 2003. Poche ore dopo a Casablanca, un gruppo di attentatori suicidi si farà esplodere, provocando 42 morti. Il regno piomba nel panico più totale. La reazione è violentissima: vengono effettuate retate e arresti nei quartieri popolari di Casablanca. Migliaia di islamisti sono fermati e rinchiusi in prigione. Ogni sospetto viene gettato in carcere. In questo clima, Britel è arrestato di nuovo.
Viene portato per la seconda volta nel centro di Temara, dove trascorre quattro mesi. Poi è trasferito in carcere a Salé. Il 3 ottobre del 2003, è sottoposto a un processo farsa durato appena un giorno, al termine del quale viene condannato a quindici anni (ridotti poi a nove in appello) per «associazione sovversiva e riunioni non autorizzate». «Ma io non vivo in Marocco dal 1989. Dove mai avrei tenuto queste riunioni non autorizzate?», chiede al telefono. Gli elementi di indagine sembrano forniti dalle autorità italiane, che nel giugno 2001 avevano aperto un'indagine su Kassim e la moglie, a causa di una «segnalazione» arrivata alla Digos di Bergamo per presunte attività di fiancheggiamento a gruppi terroristici. Un'indagine chiusa senza rinvio a giudizio nel settembre 2006, perché non era emersa alcuna prova a suffragare l'accusa. Ma intanto, in base a quelle stesse carte che hanno spinto il giudice italiano ad archiviare il caso, Kassim è stato condannato in Marocco a nove anni.
In tutta questa storia, le autorità italiane mantengono un silenzio imbarazzante. Non una protesta ufficiale con i pakistani e gli americani per il sequestro di un cittadino italiano in Pakistan e il suo trasferimento illegale in Marocco. Non una pressione su Rabat per avere chiarimenti sulle carte processuali e sulle prove che hanno condotto alla condanna di Britel. Nessuna richiesta ufficiale di liberazione, come invece hanno fatto i francesi e i britannici in casi analoghi sia in Marocco che nel centro di detenzione Usa di Guantanamo.
La domanda di grazia
I servizi consolari ripetono che «l'unica strada è una domanda di grazia». Ma Kassim è scettico. «La grazia si dà a chi ha commesso un reato e lo ha ammesso. Io sono innocente. E poi conosco il Marocco: so che se il ministero degli esteri italiano facesse le debite pressioni, mi libererebbero».
Ma queste pressioni non pare siano state fatte, almeno per il momento. Intanto il re Mohammed VI, dopo aver ammesso nel 2005 in un'intervista a El Pais, che «il suo paese aveva commesso abusi dopo il 16 maggio 2003», ha bloccato ogni provvedimento di grazia nei confronti di islamisti dal marzo 2007, quando nuovi attentati hanno scosso il reame.
Così, schiacciato tra l'incudine della guerra al terrorismo globale e il martello della paranoia anti-islamista marocchina del post-2003, Britel rimane chiuso in cella, in attesa di una soluzione che non arriva, nel disinteresse più totale delle autorità del paese di cui è almeno formalmente cittadino.

 

Dal Pakistan a Casablanca

Un calvario lungo cinque anni

 

L'arresto
Kassim Britel viene fermato in Pakistan il 10 marzo 2002. Qui viene interrogato dai servizi pakistani e da uomini dell'intelligence statunitense. La famiglia ignora dove si trovi.
Il viaggio bendato
Il 25 maggio 2002, è caricato su un aereo e trasferito in Marocco.
Qui viene portato nel centro di detenzione di Temara, dove è sottoposto a nuovi, durissimi interrogatori. La famiglia continua a non avere notizie.
la liberazione
L'11 febbraio 2003, Kassim viene rilasciato. Dopo qualche tempo passato in famiglia, chiede assistenza all'ambasciata italiana per lasciare il Marocco.
Non ottenendo altro che un lascia-passare, va al confine di Melilla.
Il nuovo arresto
Arrivato alla frontiera il 16 maggio 2003, giorno degli attentati di Casablanca, è arrestato e incarcerato di nuovo a Temara. Dopo quattro mesi è trasferito nel carcere di Salé.
La sentenza
Il 3 ottobre 2003 è condannato a 15 anni di carcere, ridotti poi a nove in appello.
La protesta in carcere
Il 16 novembre 2007, Kassim ha cominciato uno sciopero della fame.
Le sue condizioni peggiorano di giorno in giorno

 

Internet per Kassim

Interrogazioni parlamentari, rapporti e notizie sul sito web dedicato al caso

 

Visto il silenzio dei mezzi di informazione mainstream su Britel (nella foto piccola), sua moglie ha creato un sito web in cui sono raccolte tutte le informazioni e le novità sul caso (http://www.giustiziaperkassim.net ). Nel sito, si pùo trovare una ricca documentazione, dai rapporti su Britel della Commissione del Parlamento Europeo che indaga sui voli illegali della Cia, alle informazioni sulle interrogazioni parlamentari presentate dai deputato Ezio Locatelli e dai senatori Giovanni Russo Spena, Milziade Caprili e Francesco Martone (Prc).

 

«Se fate pressioni, Britel sarà liberato»

Parla Claudio Fava, già relatore della Commissione del Parlamento Ue sui voli Cia

Alberto D'Argenzio

Bruxelles

 

Senza pressioni diplomatiche da parte dell'Italia, Kassim Britel non sarà mai liberato. Un concetto semplice che Claudio Fava, eurodeputato della sinistra arcobaleno, ripete a più riprese nei minuti dell'intervista. Per un anno e mezzo Fava ha diretto i lavori della Commissione del Parlamento europeo sulle attività della Cia in Europa. In questo periodo ha ascoltato per tre volte l'avvocato di Kassim, ha parlato con la moglie. La Commissione ha ricostruito la sua vicenda, Fava ne ha parlato anche con il governo italiano. Massimo D'Alema e la Farnesina tacciono.
Esiste una via d'uscita per Kassim?
L'unico modo per restituirlo alla libertà è una forte pressione diplomatica e politica da parte del governo italiano. Lo abbiamo detto alla Camera ed abbiamo anche inviato un'apposita chiara richiesta al ministro D'Alema. Siamo di fronte ad una extraordinary rendition, di fronte ad un processo senza garanzie, ad una farsa, celebrata in fretta e al di fuori di qualsiasi tutela, d fronte ad un vero e proprio caso di accanimento processuale. Il Marocco ne ha fatta una questione di principio, vuole salvare la faccia dopo aver condannato una persona senza prove e senza garanzie.
Non lo rimetterà in libertà se non grazie a delle forti pressioni diplomatiche.
E cosa ha fatto la diplomazia italiana?
Non ho notizie di atti concludenti da parte della Farnesina. Mi auguro che siano stati fatti dei passi, almeno dei contatti, ma credo che questa domanda vada fatta a D'Alema. Quella delle pressioni è l'unica soluzione possibile anche perché il Marocco dà per conclusa la via giudiziaria. Per loro Kassim è colpevole. Ma pur essendo nato in Marocco Kassim è cittadino italiano e come tale va protetto.
Non è che la Farnesina fa il ragionamento inverso, che non si muova proprio perché è nato in Marocco?
Non vorrei pensare che Britel sia un cittadino italiano di rango inferiore solo per aver preso la cittadinanza grazie ad un matrimonio.
Tutto lo lascia pensare visto l'atteggiamento dell'ambasciata di fronte alle sue richieste di aiuto...
Conosciamo alcuni dettagli della sua vicenda che denotano una certa sciatteria da parte del personale diplomatico italiano, un'attenzione quanto meno distratta alle sue preoccupazioni, alle sue richieste di aiuto. E non è l'unico europeo dimenticato. Nei lavori della Commissione temporanea ci siamo imbattuti in numerosi casi di cittadini europei che avevano una macchia fondamentale: non essere nati sul suolo della Ue. Formalmente si trattava di italiani, tedeschi, britannici, ma erano nati in Egitto, Marocco, Siria e ciò ha portato ad atteggiamenti sbadati, distratti. Come il caso del tedesco Kurnaz, incontrato a Guantanamo da funzionari dell'intelligence del suo paese, non per essere liberato, ma per essere interrogarlo. Grazie a questa visita si è fatto 4 anni e mezzo in più a Guantanamo. Ho la sensazione che ciò non sarebbe accaduto se Kurnaz fosse nato a Monaco e lo stesso se Kassim Britel fosse nato a Milano.

 

Fonte : http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/16-Dicembre-2007/pagina03.htm

  Claudio Fava, ancien rapporteur de la  Commission du Parlement européen sur les vols de la CIA : «Si vous faites pression, Britel sera libéré»

Alberto D'Argenzio, IL MANIFESTO, 16 DÉCEMBRE 2007

Bruxelles - Sans pressions diplomatiques de la part de l’Italie, Kassim Britel ne sera jamais libéré. Une idée simple que  Claudio Fava, député européen de la gauche arc-en-ciel, répète à plusieurs reprises durant notre entretien. Fava a dirigé pendant un an et demi les travaux de la Commission du Parlement européen sur les activités de la CIA en Europe.  Durant cette période il a entendu trois fois l’avocat de Kassim et il a parlé avec sa femme. La Commission a reconstitué ses vicissitudes. Fava en a aussi parlé avec le gouvernement italien. Massimo D'Alema et la Farnesina (ministère des Affaires étrangères, NdT) se taisent.
Est-ce qu’il y a une issue pour Kassim?
L’unique moyen de lui faire trouver la liberté, c’est une forte presión dplomatique et politique de la part du gouvernement italien. Nous l’avons dit à la Chambre et nous avons aussi envoyé une requête claire en ce sens au ministre  D'Alema. Nous avons affaire à une extraordinary rendition, à un procès sans garanties, à une farce qui s’est déroulée à la va-vite et hors de toute surveillance, à un véritable cas d’acharnement judiciaire. Le Maroc en a fait une question de principe, il veut garder la face après avoir condamné quelqu’un sans preuves et sans garanties. Il ne le remettra en liberté que s’il y a de fortes pressions diplomatiques.
Et qu’a fait la diplomatie italienne ?
Je n’ai pas d’informations sur des actes de la Farnesina qu auraient abouti. J’espère que des pas ont été faits, au moins des contacts, mais je crois qu’il faut poser la question à  
D'Alema. Les pressions sont la seule solution possible, aussi parce que le Maroc considère la phase judiciaire comme close. Pour eux Kassim est coupable. Mais même s’il est né au Maroc, Kassim est un citoyen italien et doit donc être protégé à ce titre.
Es-ce que la  Farnesina ne fait pas le raisonnement inverse et ne bouge pas justement parce qu’il est né au Maroc ?

Je ne voudrais pas être amené à penser que Britel soit considéré comme un citoyen italien de rang inférieur pour la seule raison d’avoir acquis la nationalité par mariage.
Tout le laisse croire, au vu de l’attitude de l’ambassade (italienne au Maroc, NdT) face à ses demandes d’aide ...
Nous connaissons certains détails de ses vicissitudes qui révèlent une certaine négligence de la part du personnel diplomatique italien, une attention pour le moins distraite à ses préoccupations, à ses demandes d’aide. Et il n’est pas l’unique Européen oublié. Durant les travaux de la Commission temporaire nous sommes tombés sur de nombreux cas de citoyens européens qui avaient une tache fondamentale : ne pas être nés sur le sol de l’UE. Formellement, il s’agissait d’Italiens,d’Allemands, de Britanniques mais ils étaientnés en Égypte, au Maroc, en Syrie et cela a entraîné des comportements étourdis, distraits. C’est le cas de l’Allemand Murat Kurnaz, rencontré à Guantánamo par des fonctionnaires du renseignement de son pays, nous pas pour être libéré mais pour être interrogé. Grâce à cette visite, il s’est payé quatre ans et demi de plus à Guantánamo. J’ai le sentiment que cela ne se serait pas passé si Kurnaz était né à Munich et de même pour Kassim Britel s’il était né à Milan.

Source : http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/16-Dicembre-2007/pagina03.htm
Traduit par Fausto Giudice, Tlaxcala

 

Le député Vert Marco Boato interpelle le gouvernement pour savoir quelles initiatives urgentes il entend prendre pour apporter assistance à AbouElkassim Britel et obtenir sa libération.

 

 

 

18.12.2007

 

 

 

 

COMUNICATO

 

 

CITTADINO ITALIANO DETENUTO IN MAROCCO: INTERPELLANZA BOATO.

PER ELKASSIM BRITEL PORRE TERMINE A INGIUSTIZIE E ILLEGALITA’

 

 

 

 

Marco Boato, deputato dei Verdi e membro della Commissione Affari Costituzionali della Camera, ha presentato oggi una interpellanza al Ministro degli Affari esteri D’Alema e il Ministro della Giustizia Mastella, denunciando come “dal 16 novembre 2007, il cittadino italiano di origine marocchina Abou Elkassim  Britel, detenuto in Marocco nel carcere speciale di Ain Borja di Casablanca, ha iniziato lo sciopero della fame e minaccia l’inizio di quello della sete, come ultimi disperati tentativi per attirare l’attenzione e poter superare la situazione di ingiustizia di cui è vittima dal 2001”.

 

Nella interpellanza Boato ricorda come “la vicenda giudiziaria di Britel ha inizio nel luglio 2001 quando la Digos di Bergamo, a seguito di una perquisizione nella sua abitazione, avvia le indagini su sospette attività terroristiche e presunta appartenenza all’organizzazione terroristica islamica di Al Qaeda; durante le indagini, Britel non è sottoposto ad alcuna misura restrittiva cautelare pertanto, nel giugno 2001, con regolare passaporto italiano, si reca in Iran e successivamente in Pakistan per un lungo soggiorno. Nel marzo 2002 nella cittadina di Lahore, a seguito di alcuni accertamenti da parte della polizia pakistana, gli viene ritirato il passaporto italiano e contestata, durante lunghi interrogatori effettuati da funzionari USA e pakistani, la probabile affiliazione a cellule terroristiche”.

 

 E’ così, ricorda Boato, che “per Britel inizia la detenzione a cui segue il trasferimento mediante “extraordinary rendition” in Marocco. In questo paese viene condannato, il 3 ottobre 2003, alla pena di 15 anni di prigione, ridotti a 9 in sede d’appello, con l’accusa di associazione sovversiva e attività politica non autorizzata. Il 29 settembre 2006, il tribunale di Brescia ha archiviato il procedimento a carico di Abou Elkassim  Britel per <<totale insussistenza di elementi di accusa processualmente utilizzabili, che consentano di affermare che gli indagati abbiano partecipato ad un’organizzazione terroristica islamica>>”.

Boato chiede  “quali urgenti iniziative il Governo intenda adottare nei confronti del Governo marocchino affinché, nell’immediato, sia assicurata piena assistenza al cittadino italiano Kassim Britel, considerate anche le precarie condizioni di salute dovute a più di un mese di sciopero della fame e alle torture subite, e affinché siano adottati tutti i necessari provvedimenti per la sua scarcerazione” e, in generale, “quali iniziative il Governo intenda intraprendere affinchè la doverosa lotta contro il terrorismo interno ed internazionale non comporti la violazione dei princìpi, delle regole e delle garanzie dello Stato di diritto, quale è e deve essere lo Stato italiano.”

 

 Abou El Kassim Britel - Morocco

 December 07

December’s spotlight features the case of Abou El Kassim Britel, an Italian national serving a 9 year prison sentence in Morocco on an unsafe conviction obtained through extraordinary rendition and torture.

Mr Britel emigrated to Italy in 1989 and married an Italian. In 2002, he visited Pakistan to work on the translation of books about Islam. According to reports by the International Federation of Human Rights (no.379/2 July 2004) and Statewatch, he was detained on 10 March 2002 during a document check in Lahore. His passport was wrongly deemed to be a fake and as a result, he was tied up, chained, tortured and denied access to the Italian Embassy to verify the authenticity of his passport. Ten days later, he was taken to the Crime Investigation Department for five days of interrogations that included ill-treatment, violence and sleep deprivation. He was handed back to the police and then to the Pakistani secret service and was again tortured on two occasions, on one of which he made false admissions under pressure.

On 5 May 2002, Mr Britel was transferred to Islamabad to be interrogated by the FBI on four occasions. He was offered money in return for information on Osama bin Laden and allowed access to the Moroccan Ambassador, despite having been denied contact with the Italian Embassy.

On 24 May, he was blindfolded, handcuffed and put onto a private American aeroplane to Rabat. From there, he was taken to an unofficial detention centre in Temara, where the Moroccan security services holds prisoners without access to a lawyer, without informing their families and routinely tortures and isolates detainees.

Mr Britel was finally released on 11 February 2003, yet was denied restitution of his passport. Finally on 12 May, four days before the deadly terrorist attacks in Casablanca, the Italian Embassy provided him with a transit pass. He went to the border crossing in the Spanish North African enclave of Melilla, where he was arrested once again and taken to an unknown location. However on this occasion his detention was reported by a local newspaper, which also reported that he had been sought in connection with past ties to Al Qaeda. Four months later, Mr Britel’s family found out that he had been imprisoned and was being prosecuted for forming an illegal group. In January 2004 was found guilty after trial and was sentenced to 15 years’ imprisonment which was reduced to 9 years on appeal.

Mr Britel had been under investigation in Italy prior to his arrest in Pakistan. This appears to have been an important element in the charges brought against him in Morocco. However, in spite of two years’ surveillance and a lengthy judicial investigation into his activities, he was not charged in Italy. The prosecuting magistrate requested judicial proceedings against Mr Britel be shelved (on 28 July 2006) due to “absolute lack of grounds of evidence of charge, which may be used in trial”. The order by the judge for preliminary proceedings decreeing the end of judicial proceedings (doc. 9745/06, dated 29 September 2006) stated that “the checks that have been undertaken, telephone interceptions and checks on bank accounts have not provided any support to the allegations”.

The European Commission has condemned this case, particularly the extradition and evidence that Italian Ministry of Internal Affairs had been in constant cooperation with the foreign services in this case (Transportation and illegal detention of prisoners, European Parliament resolution on the alleged use of European countries by the CIA for the transportation and illegal detention of prisoners, (2006/2200(INI)), February 2007’). The European Parliament has also called on the Italian government ‘to take concrete measures to obtain the immediate release of Abou Elkassim Britel’.

Members of the Italian and European Parliaments have requested that the Moroccan Royal Cabinet grant him a pardon. In December 2006, the Italian undersecretary for justice, Luigi Li Gotti, guaranteed that maximum effort would be put into securing this. Yet Mr Britel remains in prison in Morocco. He has now been detained for almost 6 years.

He has been on hunger strike since 16 November 2007.

OUR CONCERNS
• The conviction was obtained through torture; no evidence had been gathered in Italy on which to charge Mr Britel;
• In Morocco, Mr Britel was refused access to his lawyer prior to trial so was unable to provide him with instructions;
• He was also refused access to the Italian Embassy
• No prosecution witnesses were produced for cross-examination;
• No witnesses or documentary evidence were allowed to be presented on behalf of the defence.
 

What you can do to help

  1. Write to the following to express your concerns about this case and ask that Mr Britel be pardoned and released:
    • Italian Embassy in Morocco: Italian Embassy and Consulate, 2 Zankat Idriss Al Ahzar, Rabat, Morocco;
    • Italian Minister of Foreign Affairs Massimo D’Alema, Minister of Foreign Affairs, Piazzale della Farnesina, 1 - 00194 Rome, Italy;
    • Italian Minister of Justice Clemente Mastella, Minister of Justice, Largo Luigi Daga 2, I-00164 ROME, Italy;
    • The King of Morocco His Royal Highness King Mohammed VI, King of Morocco, Royal Palace, Rabat, Morocco
  1. Write an email of support, which will be forwarded to Mr Britel’s wife http://www.fairtrials.net/index.php/contact_us/

  Abou El Kassim Britel – Marrocos

Fair Trials International – Dezembro de 2007

 

O destaque de Dezembro vai para o caso de Abou El Kassim Britel, um italiano que está a cumprir uma pena de prisão de 9 anos em Marrocos, uma condenação obtida através de tortura.

O senhor Britel emigrou para Itália em 1989 e casou com uma cidadã italiana. Em 2002, deslocou-se ao Paquistão para trabalhar na tradução de livros sobre o Islão. Segundo a Federação Internacional dos Direitos Humanos (no. 379 / 2 de Julho de 2004) e Statewatch, ele foi detido a 10 de Março de 2002 durante uma operação de verificação de documentos em Lahore. O seu passaporte foi incorrectamente considerado ser falso, e por isso ele foi amarrado, acorrentado e foi-lhe negado acesso à embaixada italiana para que a autenticidade do seu passaporte fosse verificada. Dez dias depois, foi levado para o Departamento de Investigação de Crimes onde foi interrogado durante cinco dias, durante este interrogatório foi maltratado, agredido e privado de sono. Ele foi entregue novamente à polícia e depois ao serviço secreto paquistanês e foi torturado outra vez em duas ocasiões, durante uma das quais fez admissões falsas debaixo de pressão.

No dia 5 de Maio de 2002, o senhor Britel foi transferido para Islamabad para ser interrogado pelo FBI em quatro ocasiões. Foi-lhe oferecido dinheiro em troca de informação sobre Osama bin Laden e foi-lhe permitido contactar o embaixador marroquino apesar de que lhe tinha sido negado o contacto com a embaixada italiana. A 24 de Maio, de olhos vendados e algemado foi posto num avião privado para Rabat. Já em Marrocos foi levado para um centro de detenção não oficial, em Temara, onde os serviços de segurança marroquinos detêm prisioneiros sem lhes permitir ter acesso a um advogado, sem informação sobre as suas famílias, e tortura e isola os detidos regularmente.

O senhor Britel foi finalmente libertado no dia 11 de Fevereiro de 2003, mas as autoridades negaram-se a devolver-lhe o seu passaporte. Finalmente, a 12 de Maio, quatro dias antes dos atentados terroristas em Casablanca, a embaixada italiana providenciou-lhe um “passe para transitar”. No entanto, ao cruzar a fronteira no enclave espanhol no norte de África de Melilla, ele foi detido novamente e levado para um lugar desconhecido. Nesta ocasião a sua detenção foi notícia num jornal local, que também noticiou que ele era procurado por ter tido ligações a Al Qaeda no passado. Quatro meses mais tarde, a família do senhor Britel veio a saber que ele tinha sido detido e que era acusado de formar um grupo ilegal. Em Janeiro de 2004, após julgamento, foi considerado culpado e foi condenado a uma pena de prisão de 15 anos que após recurso foi reduzida para 9 anos.

O senhor Britel tinha sido alvo de investigação em Itália antes da sua detenção no Paquistão e isto parece ter sido um elemento importante nas acusações feitas contra ele em Marrocos. No entanto, apesar de ter sido vigiado durante dois anos e de uma longa investigação judicial às suas actividades, ele não foi acusado de nada em Itália. O juiz de acusação pediu que se arquivasse o processo contra o senhor Britel (no dia 28 de Julho de 2006) devido à “total falta de provas para acusação que possam ser usadas em tribunal”. A ordem do juiz decretando o final do processo judicial (documento 9745/06, datada de 29 de Setembro de 2006) afirmava que “as investigações que foram efectuadas, escutas telefónicas e verificações às contas bancárias não providenciaram qualquer tipo de apoio às alegações”.

A Comissão Europeia condenou este caso, especialmente a extradição e a constante colaboração do Ministério dos Negócios Estrangeiros Italiano com os serviços estrangeiros (transporte e detenção ilegal de prisioneiros, Resolução do Parlamento Europeu sobre o alegado uso de países europeus pela CIA para o transporte e detenção ilegal de prisioneiros, (2006/2200(INI)), Fevereiro de 2007). O Parlamento Europeu também pediu ao governo italiano “para tomar medidas concretas para obter a libertação imediata de Abou Elkassim Britel”.

Os membros do Parlamento Europeu e do Parlamento Italiano pediram ao Gabinete Real Marroquino para lhe conceder um indulto. Em Dezembro de 2006, o secretário de estado italiano para a Justiça, Luigi Li Gotti, garantiu que seriam feitos todos os possíveis para conseguir isto. No entanto, o senhor Britel permanece na prisão em Marrocos há já quase seis anos e está em greve de fome desde 16 de Novembro de 2007.

 

AS NOSSAS PREOCUPAÇÕES:

• a condenação foi obtida através de tortura, não existem provas em Itália para acusar o senhor Britel;

• em Marrocos, foi-lhe negado acesso ao seu advogado antes do julgamento por isso ele não lhe pode dar instruções;

• também lhe foi recusado acesso à Embaixada italiana;

• as testemunhas de acusação não foram interrogadas pela defesa;

• não foi permitido à defesa apresentar testemunhas nem provas documentais.

 

Como pode ajudar:

1.                  Escreva para as seguintes instituições para expressar a sua preocupação sobre este caso e peça que o senhor Britel seja indultado e libertado:

o            Embaixada Italiana em Marrocos: Italian Embassy and Consulate, 2 Zankat Idriss Al Ahzar, Rabat, Morocco;

o            Ministro Italiano dos Negócios Estrangeiros: Massimo D’Alema, Minister of Foreign Affairs, Piazzale della Farnesina, 1 - 00194 Roma, Italia;

o            Ministro Italiano da Justiça: Clemente Mastella, Minister of Justice, Largo Luigi Daga 2, I-00164 Roma, Italia;

o            Rei de Marrocos: His Royal Highness King Mohammed VI, King of Morocco, Royal Palace, Rabat, Morocco

 

1.                  Envie um email de apoio, que será depois enviado para a esposa do senhor Britel: http://www.fairtrials.net/index.php/contact_us/

Traduzido por Cristina Santos, Tlaxcala

  Abou El Kassim Britel – Marrocco

Fair Trials International – Dicembre 2007

Abou Elkassim Britel è un cittadino italiano che sta scontando in Marocco una sentenza a nove anni di prigione, basata su una condanna infondata, ottenuta tramite la deportazione illegale (extraordinary rendition) e la tortura.

Il sig. Britel è emigrato in Italia nel 1989, ha sposato una donna italiana e nel 1999 ha ottenuto la cittadinanza italiana. Nel 2002, si recò in Pakistan per lavorare alla traduzione di libri sull'Islam.
Secondo quanto riferito dalla Fédération Internationale des ligues des Droits de l'Homme (no.379/2 July 2004) e da Statewatch, Kassim è stato arrestato il 10 Marzo 2002 durante un controllo dei documenti a Lahore.
Il suo passaporto fu erroneamente ritenuto un falso, e di conseguenza fu immediatamente legato, incatenato e torturato; gli fu poi negato l'accesso all'Ambasciata Italiana per verificare l'autenticità del suo passaporto. Dieci giorni dopo, è stato condotto al Crime Investigation Department per cinque giorni di interrogatori, che comprendevano maltrattamenti, violenze e privazione forzata del sonno. E' stato poi riconsegnato alla polizia, ed in seguito affidato ai Servizi Segreti pakistani; fu torturato nuovamente in due occasioni, durante una delle quali rilasciò false ammissioni sotto costrizione.

Il 5 Maggio 2002 fu trasferito ad Islamabad per essere interrogato dall'FBI in quattro diverse occasioni. Gli furono offerti dei soldi in cambio di informazioni su Usama Bin Ladin e gli fu consentito un contatto coll'ambasciatore marocchino [col quale comunque non ebbe mai alcun contatto effettivo], mentre continuava ad essergli negato ogni contatto coll'Ambasciata Italiana.

Il 24 Maggio fu bendato, ammanettato e messo su un aereo privato americano diretto a Rabat. Da là, fu condotto presso un centro di detenzione non ufficiale a Témara, dove i Servizi di Sicurezza marocchini detengono prigionieri senza diritto d'accesso ad un avvocato, senza informare le rispettive famiglie e praticando periodicamente sia la tortura sia dei periodi di isolamento detentivo.

Il sig. Britel fu infine rilasciato l'11 Febbraio 2003, ma gli fu negata la restituzione del suo passaporto. Finalmente il 12 Maggio, quattro giorni prima del mortale attacco terroristico a Casablanca, l'Ambasciata Italiana gli fornì un permesso di transito.
Egli si recò quindi alla frontiera, presso l'enclave spagnola di Melilla, dove è stato nuovamente arrestato e condotto in una località sconosciuta. Tuttavia questa volta la sua incarcerazione fu resa nota da un giornale locale, il quale riportò anche che Kassim era stato ricercato in relazione a passati legami con Al-Qa'ida.
Quattro mesi più tardi, la famiglia del sig. Britel scoprì che egli era stato imprigionato, e che era perseguito per la formazione di un gruppo illegale.

Nel Gennaio 2004 fu giudicato colpevole dopo un processo e gli furono comminati quindici anni di prigione, che in appello sono stati poi ridotti a nove.

Il sig. Britel era stato oggetto d'indagine già in Italia, prima del suo arresto in Pakistan. Sembra che questo sia stato un elemento importante per le accuse portate contro di lui, in Marocco.
Tuttavia, nonostante due anni di sorveglianza ed una lunga inchiesta giudiziaria sulle sue attività, in Italia non gli fu addebitata alcuna accusa. Il magistrato responsabile delle indagini chiese che i procedimenti giudiziari contro il sig. Britel fossero archiviati (il 28 Luglio 2006) a causa della "assoluta mancanza di consistenza delle prove, che possano essere utilizzate nel processo".
L'ordinanza del giudice per le indagini preliminari, decretando la fine del procedimento giudiziario (doc. 9745/06, datato 29 Settembre 2006) ha dichiarato che "i controlli che sono stati effettuati, le intercettazioni telefoniche ed il monitoraggio dei conti bancari non hanno fornito alcun sostegno alle accuse".

La Commissione Europea ha condannato questo caso, in particolare l'estradizione e l'evidente, costante cooperazione in questa vicenda del Ministero degli Interni Italiano con i Servizi esteri (Risoluzione del Parlamento europeo sul presunto utilizzo di Paesi europei da parte CIA per il trasporto e la detenzione illegale di prigionieri [2006/2200 (INI)], Febbraio 2007).
Il Parlamento Europeo ha inoltre invitato il governo italiano "a prendere misure concrete per ottenere l'immediato rilascio di Abou Elkassim Britel".

Egli è detenuto da quasi sei anni. Dal 16 Novembre 2007 ha indetto uno sciopero della fame.

I tratti essenziali della vicenda.
A) Le ammissioni di Abou Elkassim Britel sono state formulate ed estorte sotto tortura. Lunghe indagini degli inquirenti italiani non hanno invece riscontrato nessuna prova a suo carico, dichiarandolo a tutti gli effetti innocente.
B) In Marocco gli è stato impedito di avere contatti col suo legale prima del processo, rendendo perciò impossibile qualsiasi forma di istruzione processuale.
C) Allo stesso modo, gli è stato impedito qualsiasi contatto coll'Ambasciata Italiana.
D) Non è stato prodotto alcun testimone, così da poter effettuare dei controlli incrociati.
E) Non è stato permesso alla difesa di produrre alcun testimone o prova documentale.

fairtrialsi-logo-piccolo.gif promuove un'azione per la liberazione di Abou Elkassim Britel

1. lettere o messaggi cartacei che esprimano la preoccupazione per le sue condizioni e la richiesta della sua liberazione vanno inviati a:
- Ambasciata d'Italia, 2 Zankat Idriss Al Ahzar, Rabat, Marocco;
- On. Massimo D'Alema, Ministro degli Affari Esteri, Piazzale della Farnesina 1 - 00194 Roma, Italia;
- On. Clemente Mastella, Ministro della Giustizia, Largo Luigi Daga 2, I - 00164 ROMA, Italia;
- Sua Altezza Reale Mohammed VI, re del Marocco, Palazzo Reale, Rabat, Marocco;

2. una mail di conferma e sostegno direttamente a FAIR TRIALS INTERNATIONAL, associazione di avvocati inglesi che si occupa di cittadini europei, coinvolti in procedimenti penali all'estero, i cui diritti sono stati violati o rischiano di esserlo.
Url per la mail: http://www.fairtrials.net/index.php/contact_us/

1.  e-mail che esprimano la preoccupazione per le sue condizioni e la richiesta della sua liberazione vanno inviate a:
- Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano : https://servizi.quirinale.it/webmail/ 
- Presidente del Consiglio Romano Prodi : http://www.governo.it/scrivia/scrivi_a_presidente.asp
- Governo italiano : http://www.governo.it/scrivia/scrivi_a_presidente.asp

Tratto da Fair Trials International e tradotto da Abdel Nur Jibril.

 

 

http://kassimlibero.splinder.com/

info@giustiziaperkassim.net


01/01/2008
 
 
 IMPRIMIR ESTA PÁGINA IMPRIMIR ESTA PÁGINA 

 ENVIAR ESTA PÁGINA ENVIAR ESTA PÁGINA

 
VOLVERVOLVER 

 tlaxcala@tlaxcala.es

HORA DE PARÍS  22:31