HOME TLAXCALA
la rete di traduttori per la diversità linguistica
MANIFESTO DI TLAXCALA  CHI SIAMO?  AMICI DI TLAXCALA  RICERCA 

AL SUD DELLA FRONTIERA (America Latina e Caraibi)
IMPERO (Questioni globali)
LA TERRA DI CANAAN (Palestina, Israele)
UMMA (Mondo arabo, Islam)
NELLA PANCIA DELLA BALENA (Attivismo nelle metropoli imperialiste)
PACE E GUERRA (USA, UE, NATO)
LA MADRE AFRICA (Continente africano, Oceano Indiano)

ZONA DI TIFONI (Asia, Pacifico)
K COME KALVELLIDO (Diario di un vignettista proletario)
SCUOTI-MENINGI (Cultura, comunicazione)
INCLASSIFICABILI 
CRONACHE TLAXCALIANE 
STRUMENTI DI TLAXCALA (Glossari, dizionari, mappe)
BIBLIOTECA DEGLI AUTORI 
GALLERIA 
ARCHIVI DI TLAXCALA 

06/06/2020
Español Français English Deutsch Português Italiano Català
عربي Svenska فارسی Ελληνικά русски TAMAZIGHT OTHER LANGUAGES
 

Amira   HASS


http://www.haaretz.com/


Amira Hass (1956) è una scrittrice e giornalista israeliana, conosciuta per i suoi articoli pubblicati sul quotidiano israeliano Ha'aretz.
Ha deciso di stabilire la propria residenza nei territori della West Bank e nella striscia di Gaza, condizione che le dà l’opportunità di raccontare i fatti e di osservare da una prospettiva palestinese il conflitto israelo-palestinese.
Figlia di due attivisti comunisti ebrei, sopravvissuti all’Olocausto di Bosnia (la madre, Hanna Levi) e di Romania (il padre, Avraham Hass), Amira Hass è nata a Gerusalemme.
La sua carriera come giornalista ha avuto inizio nel 1989 come membro della redazione di Ha'Aretz e ha cominciato a scrivere articoli dai territori occupati nel 1991. Attualmente è l'unica corrispondente israeliana dai territori occupati (è stata a Gaza dal 1993 al 1996 e a Ramallah dal 1997 a oggi). Dal 2001 scrive un diario per il settimanale italiano Internazionale.
Amira Hass ha ricevuto nel 2000 il “Press Freedom Hero Award” dall’International Press Institute; il "Bruno Kreisky Human Rights Award" nel 2002, la “Colomba d’Oro per la pace” 2001, il “Premio Unesco/Guillermo Cano per la libertà di stampa nel mondo” 2003 e il premio dell’“Anna Lindh Memorial Fund”, 2004.
I suoi articoli sono spesso molto solidali con il punto di vista palestinese e generalmente molto critici della politica messa in atto dal governo israeliano nei confronti dei Palestinesi, ma durante gli anni dell’Intifada Al-Aqsa, la Hass ha anche pubblicato diversi articoli che criticavano molto severamente il caos e l’anarchia causati dalle bande armate di Fatah, facenti capo a Yasser Arafat e dalla guerra sanguinosa tra le milizie palestinesi a Nablus.
A motivo dei suoi frequenti reportage e per il fatto di dare voce ad opinioni contrarie alla posizione ufficiale di Israele sul conflitto con i Palestinesi, la Hass è stata spesso bersaglio di attacchi verbali e spesso si è trovata a scontrarsi con l’ostilità sia delle autorità israeliane che di quelle palestinesi.

Libri pubblicati:

  • “Drinking the Sea at Gaza: Days and Nights in a Land under Siege” (1999)
  •  “Reporting from Ramallah: an Israeli Journalist in an Occupied Land” (2003)
  • “Domani andrà peggio: Lettere dalla Palestina e Israele 2001-2005” (Fusi orari, 2005)


Articoli di Amira Hass su Tlaxcala
 


 
 
 STAMPA QUESTA PAGINA STAMPA QUESTA PAGINA 

 INVIA QUESTA PAGINA INVIA QUESTA PAGINA

 
INDIETROINDIETRO 

 tlaxcala@tlaxcala.es

ORA DI PARIGI  17:44