viagra online

http://www.newmoney.gov/newmoney/image.aspx?id=136

viagra online http://www.bilimselbilisim.com/haberler_detay.aspx?id=42

cialis vs viagra
ordering abortion pills to be shipped to house an abortion pill buy abortion pills online
ordering abortion pills to be shipped to house an abortion pill buy abortion pills online
abortion pills link online purchase abortion pill
i need to buy the abortion pill abortion pill abortion pill prescription
buy cytotec for 24 week abortion abortion pill online purchase abortion pill
HOME TLAXCALA
la rete di traduttori per la diversità linguistica
MANIFESTO DI TLAXCALA  CHI SIAMO?  AMICI DI TLAXCALA  RICERCA 

AL SUD DELLA FRONTIERA (America Latina e Caraibi)
IMPERO (Questioni globali)
LA TERRA DI CANAAN (Palestina, Israele)
UMMA (Mondo arabo, Islam)
NELLA PANCIA DELLA BALENA (Attivismo nelle metropoli imperialiste)
PACE E GUERRA (USA, UE, NATO)
LA MADRE AFRICA (Continente africano, Oceano Indiano)

ZONA DI TIFONI (Asia, Pacifico)
K COME KALVELLIDO (Diario di un vignettista proletario)
SCUOTI-MENINGI (Cultura, comunicazione)
INCLASSIFICABILI 
CRONACHE TLAXCALIANE 
STRUMENTI DI TLAXCALA (Glossari, dizionari, mappe)
BIBLIOTECA DEGLI AUTORI 
GALLERIA 
ARCHIVI DI TLAXCALA 

25/11/2014
EspaÑol Français English Deutsch Português Italiano Català
عربي Svenska فارسی Ελληνικά русски TAMAZIGHT OTHER LANGUAGES
 
Gli 007 di Israele in azione nella “base Italia”

L'ItaIia paradiso del Mossad

ordering abortion pills to be shipped to house an abortion pill buy abortion pills online
ordering abortion pills to be shipped to house an abortion pill buy abortion pills online
abortion pills link online purchase abortion pill
i need to buy the abortion pill abortion pill abortion pill prescription
buy cytotec for 24 week abortion abortion pill online purchase abortion pill

AUTORE:  Roberto LIVI


In un libro appena uscito Eric Salerno racconta come il nostro sia sempre stato un paese in cui i servizi israeliani hanno potuto fare quel che hanno voluto (Zwaiter, Vanunu...). Fin dal '48, quando Ada Sereni disse a De Gasperi : «Il governo italiano deve chiudere un occhio e possibilmente due sulle nostre attività in questo paese».

Aprile 1948. Nel suo studio di Trento Alcide De Gasperi ha un incontro riservato e difficile. Di fronte a lui una donna decisa gli chiede in pratica carta bianca per le operazioni degli agenti di quell'«Istituto» che l'anno seguente diventerà il Mossad, il servizio segreto israeliano, quasi un mito per gli 007 del mondo intero. Il presidente del consiglio è titubante. Dal 1945, quando ancora non esisteva lo Stato di Israele, l'Italia era al centro di una battaglia geopolitica che segnerà tutta la seconda metà del '900. E i cui effetti continuano oggi.

Decine di migliaia di profughi ebrei liberati dai campi di sterminio nazisti si dirigono nel nostro paese, le organizzazioni sioniste cercano di farle entrare nella Palestina sotto mandato inglese e soprattutto cercano appoggi logistici - acquisto di armi, addestramento - per preparare l'inevitabile guerra fondativa dello Stato di Israele. Londra resiste, non vuole inimicarsi gli Arabi ed essere esclusa dal business del petrolio, gli Stati Uniti, leader degli Alleati, si apprestano a scalzare la Gran Bretagna come potenza egemone in Occidente e appoggiano il nazionalismo israeliano, l'Unione sovietica di Stalin gioca le sue carte per contrastare l'influenza americana in Medio Oriente.

L'Italia è ancora un paese a sovranità debole. De Gasperi capisce che deve schierarsi e accetta la richiesta di Ada Sereni, ebrea romana emigrata nel 1927 nel «focolare ebraico» in Palestina e tornata nel paese natale come dirigente del Mossad: «Il governo italiano deve chiudere un occhio e possibilmente due sulle nostre attività in questo paese».

Da quel momento l'Italia diventa una sorta di terra promessa per gli agenti israeliani. Dall'immigrazione clandestina di ebrei sopravvissuti all'olocausto al traffico di armi, dagli attentati anti-inglesi al sabotaggio di navi e fabbriche che lavoravano per paesi arabi, dagli assassini mirati di Palestinesi a “extraordinary rendition” ante-litteram, dai tentativi di destabilizzazione politica a operazioni coperte nel quadro della guerra fredda.

Per oltre 60 anni gli uomini del Mossad hanno agito nelle loro basi italiane con la complicità dei servizi di casa nostra - deviati o meno - e dei governi che hanno chiuso entrambi gli occhi fino a mettere in causa la sovranità nazionale italiana.

Come si vede è un tema che scotta quello trattato da Eric Salerno nel suo ultimo libro, “Mossad base Italia” (Il Saggiatore, pagine 258, 19 euro), appena uscito.

Raccontare e ricostruire «le azioni, gli intrighi, le verità nascoste» di questi 60 anni significa non solo doversi immergere nella palude delle trame italiane, col rischio di affondarvi tra dossier manomessi o vuoti, servizi deviati, intrecci tra poteri e mafie, sabbie mobili delle operazioni coperte, disinformazione sparsa a piene mani. Comporta anche affrontare di petto l'intreccio tra politica mediorientale, Stato di Israele e questione ebraica.
Uno dei nodi politici più difficili. Specialmente dopo l'11 settembre e la guerra senza quartiere al terrorismo, che è diventato, per antonomasia, terrorismo islamico o «scontro di civiltà» tra l'Occidente democratico e “organizzazioni e regimi che vogliono minarne le fondamenta democratiche”.

Parlare laicamente di Israele comporta spesso da noi dover affrontare la scontata accusa di antisemitismo (come è già capitato a Salerno in occasione del suo illuminante libro “Israele, la guerra dalla finestra”, uscito nel 2002), ovvero di voler minare il baluardo mediorientale al terrorismo islamico.
Salerno, invece, vi riesce grazie alla sua conoscenza della materia - come inviato e poi corrispondente del “Messaggero” a Gerusalemme negli ultimi 30 anni - e a una professionalità laica ma non cieca, ormai rara nel giornalismo italiano.

Se la scrittura è sciolta, colorita, quasi con un passo da romanzo, “Mossad base Italia” non è una fiction. L'asse portante del libro, oltre che la scintilla da cui è partita l'inchiesta, nasce dal contatto con Mike Harari, uno degli uomini chiave del Mossad in Italia insieme a Yeuda Arazi, personaggio-chiave del romanzo “Exodus”, nell'omonimo film impersonato da Paul Newman.

L'ex-capo degli 007 israeliani accetta di raccontare la sua verità. Uno scoop senz'altro, ma Salerno è consapevole che racconti e rivelazioni contengono insidie. Del resto «Mike» mette in chiaro che se dicesse tutto quello che sa, poi sarebbe costretto « a uccidere» il suo interlocutore.

Dietro di sé, in Italia, Harari ha lasciato una storia di complotti, assassini politici, di alleanze eticamente difficili da accettare, con fascisti duri e puri della X Mas, con l'organizzazione Odessa delle ex-SS naziste, di operazioni che hanno violato la sovranità italiana.

Per questa ragione le lunghe conversazioni con «Mike» sono il punto di partenza, cui seguono complesse indagini personali, negli archivi di Stato, nei quotidiani, negli archivi USA della CIA e in quelli di Palmach e Haganah in Israele, interviste a personaggi-chiave. Il tutto accompagnato da attente riflessioni per evitare le insidie della disinformazione o del linguaggio ideologico.
I fatti raccontati non ne hanno bisogno. Si entra in storie difficilmente immaginabili e mai prima rivelate, almeno con la serietà e la documentazione di questo libro.

Dopo le richieste avanzate da Ada Sereni, De Gasperi le risponde: “Così ci chiedete di aiutarvi a vincere la guerra contro gli Arabi”. Poi però accetta, perché il suo partito (la Democrazia Cristiana) e la sua Italia repubblicana (formata però anche grazie alla Resistenza) non può sopravvivere senza gli Stati Uniti.
E la guerra arabo-israeliana ha le sue propaggini in Italia, paese che ha sempre avuto un ruolo-chiave nel Mediterraneo.

Nell'aeroporto dell'Urbe verrà istituita una vera e propria base di formazione e addestramento per i piloti della nascente aviazione ebraica.

A Catania vi sarà una pista utilizzata per un traffico - illegale - di armamenti provenienti dagli USA. La Marina non è da meno e nel 1954 accetta di formare cadetti israeliani nella sua Accademia, chiedendo solo che tutto «rimanga riservato».

I servizi italiani collaborano o voltano le spalle. Attraverso l'Italia passa un flusso clandestino di armi (compresi carri armati, motori di aereo e i famosi maiali, i mini-sommergibili armati di esplosivo della X Mas) dirette nella Palestina ormai divisa tra Israele e Giordania. Flusso che non si interrompe durante le tregue dichiarate dall'ONU.

Gli agenti ebraici (anche prima della costituzione ufficiale del Mossad nel '49) possono colpire industrie italiane che vendono armi agli Arabi, sabotare navi che trasportano rifornimenti al nemico. Nel '48, su ordine di Ada Sereni, la nave Lino, carica di armi italiane acquistate dalla Siria, è bloccata da una bomba messa da sub ebraici. Poi altri sabotaggi e attentati.
L'Italia è anche territorio privilegiato per la guerra di spionaggio.

Si sperimentano “extraordinary rendition” ante-litteram: nel settembre 1980 il tecnico nucleare israeliano Mordechai Vanunu, reo di aver denunciato la costruzione di ordigni nucleari nella centrale di Dimona, è rapito a Roma da agenti israeliani. 
Per contrastare ogni manovra di avvicinamento di Roma verso i paesi arabi il Mossad entra a pie' pari nella politica interna ed estera dell'Italia.

Aldo Moro, uno dei dirigenti democristiani favorevoli a un accordo con i Palestinesi, ne era consapevole. All'ex vice-segretario della Democrazia Cristiana Giovanni Galloni confida: «La mia preoccupazione è questa: che io so per certa la notizia che i servizi segreti sia americani che israeliani hanno infiltrati nelle Brigate Rosse, ma noi non siamo stati avvertiti di questo, sennò i covi li avremmo trovati».
In precedenza i segnali non erano mancati. L'ex-presidente Francesco Cossiga afferma anche che furono agenti del Mossad nel novembre 1973 a far saltare, mentre era in volo, Argo 16, l'aereo utilizzato per i «trasporti clandestini» di Gladio, l'organizzazione anti-sovietica voluta dagli USA. Fu una ritorsione per la liberazione, decisa proprio da Moro, dei due terroristi palestinesi che avevano tentato di colpire un aereo della compagnia israeliana El Al sulla pista dell'aeroporto di Fiumicino.
Vendetta. La parola non compare mai nei dossier ufficiali d'Israele. Ma era la parola d'ordine lanciata dall'allora premier israeliano Golda Meir, «la donna con le palle». Vendetta per gli atleti della squadra israeliana sequestrati da militanti di Settembre Nero durante le Olimpiadi di Monaco-'72 e uccisi nel corso dell'attacco delle forze speciali tedesche.

La prima vittima della vendetta cadrà a Roma, per mano di una squadra del Mossad guidata proprio da Harari. Wael Zwaiter, intellettuale palestinese e rappresentante di Al Fatah, viene crivellato di colpi nell'androne di casa sua. Poco importa che non avesse nulla a che fare col terrorismo, anzi fosse un feroce critico di Settembre Nero. Quello che bisognava inviare era un segnale forte e chiaro che il braccio armato di Israele colpiva inesorabilmente. Proprio questo obiettivo costituì la debolezza dell'operazione descritta anche nel film di Spielberg.

  
Il corpo di Wael Zwaiter, palestinese di Nablus , 38 anni, cugino di Arafat, residente in Italia da 16 anni, lavorava all' ambasciata libica, era un cultore di lettere, aveva pubblicato anche una traduzione in italiano di «Le mille e una notte». Il Mossad (servizio segreto israeliano) lo uccise a Roma il 16 ottobre del 1972, come uccise Majed Abu Sharar nel 1981, Kamal Hussein e Nazih Matar nel 1982.

La vendetta doveva essere esemplare e veloce. Così si colpisce anche a caso: in Norvegia il commando del Mossad uccide un cameriere marocchino che nulla aveva a che fare con i Palestinesi; la polizia locale non volta le spalle, e uno dei killer del Mossad catturato svuota il sacco. E rivela particolari dell'operazione con cui Israele aveva importato tonnellate di uranio per fabbricare le sue atomiche. Per Harari fu un mezzo smacco. 
Il «modello Mossad», sperimentato anche in Italia, è vincente e diventa oggetto di esportazione.

Ex-agenti sono riciclati come capi della sicurezza o «consiglieri» in mezzo mondo, dalle scorte alle navi alla vigilanza di aeroporti, da operazioni coperte e lucrose come l'Iran-contras-gate (armi ai terroristi anti-sandinisti in Nicaragua comprate con la coca fornita dai cartelli colombiani).

Il caso dell'imam Omar rapito a Milano da agenti CIA - coperti dai servizi nostrani- dimostra che le “extraodinary rendition” devono molto alle tecniche del Mossad, mentre a Gaza e nei Territori gli omicidi mirati di dirigenti palestinesi sono ritenuti mezzi brutali, ma al fine di salvaguardare la democrazia.


Originale da: il manifesto

Articolo originale pubblicato il 16/02/2010

L’autore

Tlaxcala è la rete internazionale di traduttori per la diversità linguística. Questo articolo è liberamente riproducibile, a condizione di rispettarne l'integrità e di menzionarne l'autore e la fonte.

URL di questo articolo su Tlaxcala:
http://www.tlaxcala.es/pp.asp?reference=10258&lg=it

ordering abortion pills to be shipped to house http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill buy abortion pills online
ordering abortion pills to be shipped to house http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill buy abortion pills online


LA TERRA DI CANAAN: 06/04/2010

 
 STAMPA QUESTA PAGINA STAMPA QUESTA PAGINA 

 INVIA QUESTA PAGINA INVIA QUESTA PAGINA

 
INDIETROINDIETRO 

 tlaxcala@tlaxcala.es

ORA DI PARIGI  2:20