HOME TLAXCALA
la rete di traduttori per la diversità linguistica
MANIFESTO DI TLAXCALA  CHI SIAMO?  AMICI DI TLAXCALA  RICERCA 

AL SUD DELLA FRONTIERA (America Latina e Caraibi)
IMPERO (Questioni globali)
LA TERRA DI CANAAN (Palestina, Israele)
UMMA (Mondo arabo, Islam)
NELLA PANCIA DELLA BALENA (Attivismo nelle metropoli imperialiste)
PACE E GUERRA (USA, UE, NATO)
LA MADRE AFRICA (Continente africano, Oceano Indiano)

ZONA DI TIFONI (Asia, Pacifico)
K COME KALVELLIDO (Diario di un vignettista proletario)
SCUOTI-MENINGI (Cultura, comunicazione)
INCLASSIFICABILI 
CRONACHE TLAXCALIANE 
STRUMENTI DI TLAXCALA (Glossari, dizionari, mappe)
BIBLIOTECA DEGLI AUTORI 
GALLERIA 
ARCHIVI DI TLAXCALA 

22/10/2019
Español Français English Deutsch Português Italiano Català
عربي Svenska فارسی Ελληνικά русски TAMAZIGHT OTHER LANGUAGES
 

Lettera a Barack Obama


AUTORE:  Ilich RAMÍREZ SÁNCHEZ إلييتش راميريز سانشيز

Tradotto da  Manuela Vittorelli


POISSY, 29 gennaio 2009

S. E. BARACK HUSSEIN OBAMA
Presidente degli Stati Uniti d'America


Signor Presidente,

La sua decisione di chiudere le carceri segrete della CIA le fa onore.

Il nostro Compagno Bruno BRÉGUET, cittadino svizzero, fu rapito l'11 novembre 1995, mentre si trovava a bordo di un traghetto tra l'Italia e la Grecia, nel corso di un'operazione speciale condotta con l'appoggio navale della NATO.

La preghiamo di far rilasciare Bruno.

Siamo stati ufficiosamente informati che Bruno è morto accidentalmente durante un interrogatorio in una base degli Stati Uniti nel sud dell'Ungheria.

Se Bruno è davvero morto abbiamo bisogno del suo corpo, così che i suoi parenti, amici e compagni possano piangere nella neutrale Svizzera questo eroe della Causa Palestinese e perché la sua anima eterna possa raggiungere in cielo i nostri martiri.

Non esiti a mettere in contatto i suoi servizi con il mio avvocato svizzero Marcel BOSONNET e la coordinatrice del mio collegio di difesa nonché adorata moglie, l'avvocato Isabelle COUTANT (PEYRE), dell'Ordine degli Avvocati di Parigi.

Per cancellare l'infamia associata alla base di Guantanamo, restituisca quel territorio occupato al suo legittimo proprietario, il popolo cubano, in occasione di questo 50° anniversario della sua rivoluzione.

Prego Dio Onnipotente che un giorno i popoli di questo continente, finalmente liberi, possano gridare all'unisono: “Dio benedica la nostra America!”

E come avrebbe detto suo nonno di etnia luo:

«ALLAHOU AKBAR!»

Le porgo, Signor Presidente, i miei saluti rivoluzionari.

p.s. Per essere certi che la legga, questa lettera verrà resa pubblica.






Originale: Letter to Barack Obama

Articolo originale pubblicato il 7/2/2009

L’autore

Manuela Vittorelli è membro di Tlaxcala, la rete di traduttori per la diversità linguistica. Questo articolo è liberamente riproducibile, a condizione di rispettarne l'integrità e di menzionarne autori, traduttori, revisori e la fonte.

URL di questo articolo su Tlaxcala:
http://www.tlaxcala.es/pp.asp?reference=7012&lg=it



NELLA PANCIA DELLA BALENA: 07/02/2009

 
 STAMPA QUESTA PAGINA STAMPA QUESTA PAGINA 

 INVIA QUESTA PAGINA INVIA QUESTA PAGINA

 
INDIETROINDIETRO 

 tlaxcala@tlaxcala.es

ORA DI PARIGI  7:48